Premio Internazionale Vincenzo Torriani | Il Libro
21676
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-21676,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.8.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Il Libro

In ricordo di papà Torriani

“L’ultimo patron”,

il libro scritto dal figlio Gianni

 

 

Vincenzo Torriani per tutti noi

 

Le vicende umane e sportive che la famiglia ci consegna, attraverso Gianni Torriani, il maggiore dei figli, è un’operazione riuscita, racconta un uomo che il termine patron ha interpretato non da padrone, ma da punto di riferimento autorevole.

 

Per le responsabilità che si è sempre assunto in prima persona, rifiutando ogni scusa di comodo.

 

Vincenzo Torriani è stato un grande innovatore capace di giocare d’azzardo, ripagato dalla buona sorte che stava dalla sua parte. Un geniale e testardo visionario, in grado di sfidare l’impossibile: arrivare a Venezia in piazza San Marco con un ponte di barche è stato uno dei suoi capolavori, come è stata sua abitudine sfidare la meteorologia di maggio, quando il Giro doveva affrontare le salite solo momentaneamente ripulite dalla neve, comunque a rischio di slavine.

 

Chi l’ha conosciuto ricorda il suo decisionismo, in nome delle convinzioni che aveva ferree. Ascoltava volentieri i pareri altrui, ma non li assecondava con facilità, dovevano convincerlo.

 

L’ultima parola era sempre la sua, anche perché non pativa alcun condizionamento, a partire da quelli politici. Si confrontava solo con il direttore della Gazzetta, quando occorreva, costantemente con il vicedirettore Bruno Raschi, trovava conforto e talvolta contrasto con Fiorenzo Magni, per rispetto e stima reciproci.

 

Aveva modi talora bruschi a volte soavi, ma non perché il suo umore fosse mutevole. Per carattere, mal sopportava chi gli segnalava l’azzardo di certe scelte. «Datemi soluzioni, non ulteriori problemi». Alcune delle sue invenzioni – aver creduto che il Giro non dovesse limitarsi al territorio italiano, tanto che studiò a lungo un Giro d’Europa, irrealizzabile per la guerra fredda che tormentava il suo tempo – hanno segnato la storia del ciclismo.

 

Sergio Meda

Intervista a Gianni Torriani su RAI Sport in occasione della presentazione del libro